home

eventi

aikido

forum

taai

 

UESHIBA MORIHEI O-SENSEI (1883-1969)
Hokkaido


Nasce il 14 Dicembre 1883 nella cittadina di Tanabe attualmente nella prefettura di Wakayama. Morihei era un bambino debole e molto fragile. La sua istruzione si fermò al primo anno delle medie e a 17 anni lascio casa e la cittadina di Tanabe per recarsi a Tokyo a fare il mercante. Li incominciò a frequentare la sera la scuola di arti marziali Tenjin Shinyo ryu. Dopo meno di un anno fù costretto ad abbandonare Tokio e tornare a Tanabe a causa di una malattia. Ristabilitosi dalla malattia continuò a vivere nel suo paese di origine, fino al 1903 quando si arruolò nelle forze armate in previsione della guerra russogiapponese. Si congedò nel 1906 e tornò a Tanabe fino al 1912 quando partì insieme ad altre 54 famiglie per l'isola di Hokkaido al tempo in fase di sviluppo. Lì incontrò Sokaku Takeda un eccentrico ma veramente esperto insegnante di Daito Ryu ju jutsu. Morihei rimase affascinato dalle complicate tecniche di quest'arte e divenne uno dei migliori allievi di Sokaku, da cui ricevette il certificato di primo mokuroku. Il Daito Ryu comprendeva alcune centinaia di tecniche di immobilizzazione articolare e controllo da qui le basi di tutti i movimenti di Aikido.

Nel 1919 Morihei dopo aver ricevuto la notizia che il padre era gravemente malato decise di partire. Durante il viaggio verso casa si ferma nella piccola città di Ayabe, centro della religione Omoto, il suo leader Onisaburo Deguchi era un guaritore, e Morihei sperava che potesse aiutare il padre. Una volta tornato a Tanabe e scoperto che il padre ormai era morto decise di iniziare una nuova vita nellà comunità Omoto Kyo, dove incominciò a fornire i suoi servigi come insegnate di ju-jutsu. In pochi anni divenne famoso per le sue capacità e nel 1927 si trasferì a Tokyo, e nel 1931 riuscì a creare il Kobukan Dojo. Il periodo della guerra portò via molti dei suoi allievi, e nel 1942 dopo essersi ammalato di una seria malattia intestinale si ritirò nel villaggio di Iwama a nord di Tokyo, in questi anni si dedicò allo sviluppo della sua tecnica finalizzata a risolvere pacificamente il conflitto. In questo periodo furono pochi gli allievi di Ueshiba, in particolare nel '46 si iscrisse un giovane: Morihiro Saito, che può essere considerato il successore tecnico di Ueshiba.
Ad Iwama oltre perfezionare la sua tecnica iniziò un serio studio della spada e della lancia. Infatti il concetto di Ueshiba di un programma dell'Aikido era quello di un sistema che comprendesse tecniche con e senza armi. Per la maggior parte di questo periodo il giovane Saito fu il partner abituale nell'allenamento di Ueshiba, e fu testimone di molte tecniche e insegnamenti, che raramente il fondatore eseguiva in pubblico. Durante gli ultimi anni della sua vita, l'Aikido incominciava la sua crescita internazionale, e Ueshiba passava sempre più tempo a Tokyo, anche se ormai, non aveva più la forza di quando era giovane, era riuscito ad adattare le sue tecniche alle sue possibilità, continuando a proiettare ragazzi più forti e più giovani di lui. Ueshiba stesso amava sottolineare, la sua abilità in questo periodo era il prodotto di più di sessant'anni di studio e di allenamento. Il fondatore mori il 26 Aprile 1969 per un cancro al fegato.

FOTOGALLERY